Le misteriose linee di Nazca, gli acquedotti preispanici e il centro religioso di Cahuachi

principale

Ciao a tutti,

Domenica 5 Gennaio 2014 siamo andati con i miei genitori a fare un tour completo verso Nazca che dista 150 Km da Ica.

La destinazione più importante è stata l’aeroporto di Nazca per far sorvolare ai miei le enigmatiche linee, visto che io e Danitza avevamo già volato 5 anni fa. Al tour abbiamo aggiunto altre importanti tappe come la visita al museo Antonini, gli acquedotti preispanici e il centro religioso di Cahuachi che abbiamo visto al tramonto e ci ha regalato un panorama mozzafiato.

IMG_3869

Ecco i due argonauti pronti a prendere il loro piccolo aereo a elica! Il costo del volo è di 90 Dollari più una tassa di 50 Soles a persona. Un po’ caro e turbolento ma ne vale la pena.

IMG_3869b

Mentre stavamo aspettavano il nostro turno gli altri passeggeri che atterravano scendevano dall’aereo con strane facce poco incoraggianti e ringraziando dio di essere ancora vivi in tante lingue diverse!

IMPORTANTE: E’ consigliabile non mangiare almeno due ore prima del volo per ovvi motivi.

IMG_3869f

Una volta che l’aereo ha preso quota il pilota inizia a volteggiare attraverso le linee, ecco qui la linea chiamata dell’astronauta.

IMG_3869g

Qui abbiamo la scimmia.

IMG_3869h

Ecco un colibrì, ci sono almeno 20 ipotesi sulla natura delle linee di Nazca, una delle più accreditate è che venissero fatte per scopi religiosi infatti vicino alle linee sono state trovate offerte, conchiglie (mollu) e ceramiche che venivano rotte sul posto per scopi rituali. Le figure rappresentano animali sacri legati agli dei preispanici che dovevano presumibilmente essere gli emissari delle richieste di prosperità e soprattutto di acqua che via via si andava esaurendo a causa del cambio climatico avvenuto nella zona negli ultimi 5000 anni. La stilizzazione dei disegni potrebbe essere spiegata dal fatto che i sacerdoti facevano largo uso di sostanze psicotrope come il San Pedro per connettarsi al mondo degli spiriti e della pachamama, cioè il legame con la terra stessa. Le linee diventavano quindi uno strumento di connessione fra uomo, terra e cielo.

IMG_3902

A poche centinaia di metri dall’uscita dell’areoporto siamo andati a visitare il museo delle ceramiche dove artigiani moderni riproducono con le stesse tecniche di allora le famose ceramiche Nazca.

IMG_3901

I preispanici utilizzavano la cercamica anche per fare strumenti musicali che suonavano nei loro rituali. Nella foto si vede un fischietto a forma di colomba.

IMG_3900

Qui la famosa zampogna, già 5000 anni fa (Caral – Perù 3000 AC) i preispanici avevano scoperto le note musicali utilizzate ancora oggi.

IMG_3898

Ecco una tromba cerimoniale.

IMG_3891

Il titolare della bottega artigiana ci ha spiegato che suo padre imparó con passione e pazienza a ricreare il sistema di cottura utilizzato dagli Inca. Al posto del tornio usavano un piattello circolare concavo che facevano girare mentre con le mani modellavano la pasta cruda.

IMG_3889

Per dare lucidità alle ceramiche utilizzavano delle pietre dure arrotondate che strofinavano sul grasso del viso e sfregavano sulla ceramica dipinta e seccata al sole prima di cuocerla.

IMG_3885b

Per decorare i vasi utizzavano pigmenti minerali che si fondevano in cottura con la ceramica e per dipingere utilizzavano sottili pennellini in crine di animale o capelli umani.

IMG_3880

Le ceramiche più belle erano esclusivamente ad uso religioso e purtroppo dopo tanto lavoro il sacerdote le frantumava al suolo come offerta agli dei.

IMG_3917

Alla fine della spiegazione nella bottega è stato possibile comprare alcune di queste realizzazioni artigianali, per esperienza personale posso dire che sono le più carine ed originali che si trovano in tutto Perù, molto simpatiche e apprezzate come regalo di ritorno. Prezzo indicativo da 10 a 30 Euro.

IMG_3937

Dalla zona delle botteghe della ceramica in pochi minuti siamo arrivati agli acquedotti preispanici di Cantayo, una impressionante opera di ingegneria idrica che ha permesso alle popolazioni locali almeno 2000 anni fa di far arrivare l’acqua dalle montagne al deserto. Si pensa che già un fiume sotterraneo passasse nel sottosuolo e che i preispanici abbiano consolidato con pietre un tunnel lungo il percorso naturale dell’acqua con pozzi di aerazione a determinati intervalli per favorirne la manutenzione.

IMG_3930

La guida ci ha assicurato che si poteva ancora passare da un pozzo ad un altro strisciando lungo il tunnel e visto la calura non me lo sono fatto ripetere due volte e in mutande mi ci sono infilato dentro.

IMG_3934c

Un esperienza che sconsiglio a chi soffre di claustrofobia!

IMG_3934

Fortunatamente la guida aveva ragione e alla fine sono sbucato dal pozzo adiacente gattonando per circa 50 metri.

IMG_3934a

Questa opera idrica è così ingegnosa che ancora oggi fornisce acqua ai campi coltivati della zona!

Da qui ci siamo spostati verso la città di Nazca per andare a vedere il museo Antonini. Questo museo ospita i più recenti ritrovamenti dell’archeologo italiano Giuseppe Orefici provenienti dall’antico centro cerimoniale di Cahuachi. Il museo era amministrato dal Centro Italiano Studi e Ricerche Archeologiche Precolombiane (fino a quando con la crisi italiana hanno tagliato i fondi) e si dedica tuttora alla conservazione e allo studio del patrimonio archeologico di tutta la zona di Nazca.

IMG_4029

Nella foto è possibile vedere un pendaglio nasale per fare in modo che il celebrante assomigliasse a un dio.

IMG_4023

Ceramiche che riproducono la pianta allucinogena del San Pedro che veniva ingerita dai sacerdoti per propiziare.

IMG_4022

Foto di una impressionante deformazione craniana. Per deformarlo così devono aver tirato tanto!

Si pensa che questa pratica venisse fatta ai neonati per motivi di distinzione di casta.

La mia personale ipotesi è che, un sacerdote con un cervello così allungato, insieme allo spostamento della ghiandola pineale che ne risultava e l’assunzione di sostanze psicotrope poteva essere un soggetto piú adatto alla veggenza.

IMG_3999

Molto interessante e unica la sezione dedicata alle teste trofeo cioè teste a cui è stato applicato un elaborato precesso di mummificazione e che potevano essere portate in giro dai sacerdoti grazie a un manico in corda che passava per un buco fatto al centro della fronte. Ho letto che anche i moderni curanderi (Vedi Mario Pollia) utilizzano ancora oggi il cranio di persone defunte per curare e ottenere favori dall’anima del trapassato!

IMG_3996

Ecco altri esempi di teste trofeo, il museo ha un intera sezione, unica nel suo genere, dedicata a queste teste di cui si sa ancora ben poco.

Alla fine il giro si è concluso spostandoci da Nazca verso l’interno del deserto per circa 30 km verso la cittadella religiosa di Cahachi.

IMG_4137

Questo nome significa luogo dove vivono i vedenti e inquadra molto bene la funzione dei sacerdoti che ci abitavano.

IMG_4135

La città fu fondata prima della nascita della civiltà Nazca, durante il nono secolo a.C., e declinò attorno al 300 d.C., dopo l’invasione degli Huari anche a causa dell’inaridimento del clima.

La popolazione residente permanente era poca, perché Cahuachi fungeva principalmente da centro cerimoniale, per eventi forse associati alle linee di Nazca e alla duna gigante di sabbia bianca che sta al fronte (Cerro Blanco).

Oltre al centro cerimoniale era presente anche una necropoli e il peggior problema riguardante il sito è stato rappresentato dal saccheggio. Molti dei siti funerari attorno a Cahuachi erano sconosciuti fino a poco tempo fa, e continuano a rappresentare un boccone appetitoso per i tombaroli.

IMG_4057

Anche noi con la guida ci siamo fermati in un antico cimitero Nazca che è stato purtroppo depredato da vari cacciatori di tesoro abusivi. La cosa simpatica è che il cimitero preispanico rimane a qualche centinaia di metri da un cimitero moderno sicuramente ubicato nelle vicinanze per supersitizione dei locali.

Dopo qualche altro kilometro in mezzo al deserto siamo finalmente arrivati a vedere quello che potevano godersi i vedenti.

Uno straordinario tramonto immerso nel silenzio assoluto del deserto che già di per sè, sicuramente, li metteva in contatto con una natura straordinaria e incontaminata. Di seguito le immagini.

IMG_6880 IMG_6877 IMG_4194 IMG_4193

Nella zona di Nazca ci teniamo a segnalare anche altre due destinazioni molto interessanti che noi abbiamo visitoto nel 2010: il museo dell’oro, per vedere come i minatori di oggi continuano ad estrarre il prezioso minerale dai pezzi di roccia che portano giù dalle montagne e il museo di Maria Reich la tedescona che ha dedicato tutta la sua vita a salvare e studiare le linee di Nazca.

Consigliamo di riservare questo tour presso le agenzie di viaggio che si trovano nella Plaza de Armas di Ica e chiedere il supplemento di Cahuachi che altrimenti non verrebbe incluso. Il prezzo indicativo è di 150 Soles a testa e il giro dura un giorno completo.

CONSIGLI DEL VIAGGIATORE: Visto la zona torrida e desertica è indispensabile portare un cappello ampio, mangiare pasti frugali e idratarsi molto. Per le foto munirsi di apparecchi con zoom e stabilizzatore soprattuto per le foto delle linee di Nazca dall’aereo.

Buona avventura e alla prossima!

  • IMG_3869
  • IMG_3869b
  • IMG_3869c
  • IMG_3869d
  • IMG_3869e
  • IMG_3869f
  • IMG_3869g
  • IMG_3869h
  • IMG_3876
  • IMG_3879
  • IMG_3880
  • IMG_3881
  • IMG_3882
  • IMG_3884
  • IMG_3885
  • IMG_3885b
  • IMG_3889
  • IMG_3891
  • IMG_3898
  • IMG_3900
  • IMG_3901
  • IMG_3902
  • IMG_3904
  • IMG_3907
  • IMG_3908
  • IMG_3912
  • IMG_3917
  • IMG_3929
  • IMG_3930
  • IMG_3931
  • IMG_3934
  • IMG_3934a
  • IMG_3934b
  • IMG_3934c
  • IMG_3934d
  • IMG_3937
  • IMG_3996
  • IMG_3997
  • IMG_3999
  • IMG_4022
  • IMG_4023
  • IMG_4029
  • IMG_4057
  • IMG_4060
  • IMG_4066
  • IMG_4135
  • IMG_4137
  • IMG_4142
  • IMG_4159
  • IMG_4175
  • IMG_4193
  • IMG_4194
  • IMG_6877
  • IMG_6880
  • principale
Share
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

6 comments for “Le misteriose linee di Nazca, gli acquedotti preispanici e il centro religioso di Cahuachi

  1. REBUS
    gennaio 24, 2014 at 3:41 pm

    Grazie mille…m’interessano questi articoli….il sottofondo religioso delle tradizioni ancestrali

  2. REBUS
    gennaio 24, 2014 at 3:44 pm

    URL: google.com/+RebusCruciverba
    grazie e un abbraccio

  3. gennaio 24, 2014 at 5:22 pm

    Ciao Rebus,

    A dire la verità interessano molto anche a me le questioni religiose dei preispanici.

    Mi hanno particolarmente colpito gli scritti di Carlos Castaneda e di Mario Polia (italiano).

    Entrambi antropologi, hanno studiato sul campo le ultime tracce delle credenze religiose andine che ancora oggi vengono tramandate da alcuni maestri curanderi.

    Le conclusioni sono abbastanza interessanti e inaspettate e aprono una piccola porta sull’immenistà di questo tema ancora quasi totalmente inesplorato.

    A titolo di spunto è interessante anche il libro di Zacharia Sitchin “Gli dei dalle lacrime d’oro”

    Se hai competenza in materia possiamo approfondire con un articolo a due mani, fammi sapere.

    Enrico

    • REBUS
      gennaio 24, 2014 at 8:05 pm

      Per il momento ti ringrazio per la bibliografia che mi proponi e che spero di trovare a Lima. Un abbraccio

  4. gennaio 27, 2014 at 3:04 am

    Bell’articolo e complimenti. Foto molto espressive messe al posto giusto.
    Che fortuna ad aver visto un tramonto così!!!
    Tornerò a Cahuachi dopo essermi informato se ci si può fermare a dormire.

  5. Marcos
    ottobre 23, 2015 at 7:07 pm

    Molto Bello! :)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *